Buscar
  • Baobab Adventure

IL BAOBAB, L'ALBERO DELLA VITA

Actualizado: 22 de dic de 2019

CHE COS'È UN BAOBAB?


Esistono 8 specie di baobab e sono presenti in 31 paesi africani. In molte culture sono sacre ed è vietato tagliarle.

Questo maestoso albero ha una crescita lenta e una longevità eccezionale poiché vivono circa 2000 anni. I tronchi di alcune specie raggiungono fino a 12 metri di diametro e 30 metri di altezza.

Grazie alla sua forma, può contenere fino all'80% di acqua e, come noi, anche il suo peso varia a seconda delle stagioni. Il più grande può contenere fino a 150.000 litri di acqua dolce e pronto per il consumo umano e animale.

Non sorprende che nelle diverse culture sia noto come "L'albero della vita", "Il guardiano dell'acqua" o "L'albero dell'acqua".



ETIMOLOGIA DELLA PAROLA "BAOBAB"


Il baobab fu descritto per la prima volta da un Prospero europeo, alpino, nel 1592 in De plantis Aegypti liber (libro sulle piante d'Egitto). Il termine baobab è stato usato per la prima volta in questo libro come "ba hobab" (originando dalla parola araba "bu hibab" che significa "frutto con molti semi"). Fu ribattezzato "baobab" dal 17 ° secolo. Il suo nome scientifico, Adansonia, è un omaggio a Michel Adanson, un naturalista ed esploratore francese che fu il primo a descrivere le specie africane.



LA FORMA DI BAOBAB


Diverse leggende sono associate alla strana forma del baobab.


1. La leggenda più popolare dice che molto tempo fa, il baobab osservava l'ambiente circostante: la superficie dello stagno liscia come uno specchio, altri alberi carichi di foglie in fiore ... Vide nel riflesso dell'acqua come tutto brillava intorno a lui, ma osservò anche che le sue foglie erano piccole e i suoi fiori quasi impercettibili. Era grasso e la sua corteccia sembrava la pelle rugosa di un vecchio elefante. L'albero invocò Dio e si lamentò del suo aspetto. Tuttavia, Dio aveva creato l'albero ed era soddisfatto del suo lavoro e apprezzava che non fosse un albero come gli altri. Ho adorato la diversità.

Il baobab non ha mai cessato le sue lamentele fino a quando un giorno Dio non è venuto giù per risolvere il suo disagio. Afferrò il baobab, lo raccolse e lo rimise a terra, ma questa volta a faccia in giù. Pertanto, l'albero non poteva più vedere se stesso o altri lamentarsi più.


2. Un'altra leggenda spiega che quando Dio creò la terra e tutto ciò che conteneva, mise un baobab in un giardino. La vegetazione era stupita da questo bellissimo e maestoso albero, così grande, così potente. Gli uccelli nidificavano tra i loro rami e il resto degli animali piaceva riposare nella loro fresca ombra. Tutti si congratularono con lui per le sue dimensioni, per la sua bellezza, per la grandezza del suo baule, per l'ombra che offriva a tutti. Ma il baobab è diventato troppo orgoglioso. Quindi, per punirlo, Dio lo strappò da terra e lo ripiantò all'indietro.


3. Uno di questi, di origine araba, spiega che un demone sradicò l'albero, piantò i suoi rami sul terreno e lasciò le sue radici in aria.


4. Infine, esiste una leggenda che spiega che il primo spirito di un'antica razza offriva agli animali la possibilità di piantare alberi. La iena era in ritardo e ricevette l'ultimo albero rimasto, il baobab. Ero così furioso che la piantò a faccia in giù.




IL BAOBAB A MADAGASCAR

Allée des baobabs

Sebbene sia senza dubbio uno dei simboli del Madagascar (in particolare la maestosa Avenue of the Baobabs, che è uno dei luoghi più fotografati dell'isola africana), il baobab è molto più di un semplice albero. I malgasci usano tutte le loro parti nella loro vita quotidiana.

La sua fibra viene utilizzata, ad esempio, per realizzare corde, tetti o pareti della casa o anche per la fabbricazione di tessuti.


Quasi tutte le parti del baobab sono commestibili:

   * I giovani germogli e le radici vengono mangiati come verdure.

   * Le foglie fresche possono essere consumate come infuso.

   * Le foglie secche vengono ridotte in polvere e fungono da legante.

   * I semi sono usati per fare un olio, sapone e fertilizzante.


Inoltre, i baobab servono come case per molte specie di orchidee, lemuri, uccelli e rettili che possono trascorrere l'intera vita senza vedere il mondo esterno.



I BAOBAB E LA MAHAFALY ETNIA


In Madagascar, sull'altopiano di Mahafaly, il baobab acquisisce una dimensione più ampia. In questa regione estremamente arida, l'albero è diventato letteralmente una cisterna. Un contenitore naturale che consente alla popolazione locale di conservare l'acqua per sopravvivere.


È una pratica particolare ereditata dagli antenati del popolo in adattamento alla siccità e alla carestia che colpì la regione, intorno al 1920. I buchi nei baobab immagazzinarono l'acqua dopo le poche tempeste, ma non marcirono. Nacque così l'idea di trasformarla in una cisterna.

Esistono diverse regole per avere un Baobab come cisterna d'acqua. Quando l'agricoltore trova un baobab adulto, l'area viene pulita e contrassegnata per informare che qualcuno ha preso l'albero. Quindi, un gallo viene sacrificato per chiedere il permesso e la benedizione agli antenati malgasci, perché il baobab è sacro e ospita spiriti.

Inoltre, non tutti possono lavorare il baobab per prepararlo come una cisterna. I giovani il cui padre è ancora vivo non possono scavare il baobab, altrimenti il padre morirebbe. A seconda del tempo trascorso a lavorare, il buco sarà abbastanza grande quando un adulto può stare dentro. Una volta che il serbatoio è pieno, l'ingresso si chiude con rami per impedire agli animali di entrare e contaminare l'acqua.


L'etnia Mahafaly si è adattata a un ambiente ostile ma eccezionale e fa parte del patrimonio mondiale dell'UNESCO. L'acqua è vita e, per loro, in parte grazie al baobab.



PROPRIETÀ DI BAOBAB


Il baobab è di moda! Non è sorprendente, è considerato un superfood: è ricco di vitamina C, calcio, potassio, antiossidanti ...

Inoltre, le sue foglie sono un'ottima fonte di vitamina A, calcio, ferro, potassio, magnesio, manganese, molibdeno e fosforo. E i semi sono ricchi di proteine.


Tutti questi componenti naturali rendono il baobab una fonte quasi inesauribile di energia per il corpo. Ecco alcuni esempi del vantaggio delle sue virtù medicinali:


- Sotto forma di polvere o olio, il baobab è presentato come un miracolo per le sue virtù cosmetiche. È un prodotto naturale per combattere l'invecchiamento cutaneo. Aiuta anche ad accelerare il processo di rimozione di quei brufoli e spiacevoli punti neri dall'acne.


- Il baobab può trattare molti disturbi gastrici, come dissenteria, diarrea e infiammazione. Aiuta anche a combattere la disidratazione causata da questi disturbi gastrici. Inoltre, grazie all'alto contenuto di fibre, mantiene il sistema digestivo in buone condizioni.


- La corteccia del baobab è famosa per le sue proprietà antipiretiche. Pertanto, un'infusione consente di combattere gli attacchi di febbre.


- Numerosi studi hanno dimostrato le proprietà antinfiammatorie e antiossidanti del baobab.


- Per pazienti con artrosi o poliartrite. Molto ricco di fosforo, calcio e potassio, il baobab facilita il corretto funzionamento del sistema muscolare.


Sfortunatamente, in Madagascar, la combustione e la deforestazione per la piantagione di riso hanno portato alla scomparsa di alcune specie animali, necessarie per la riproduzione dei baobab. Attualmente minacciati, come la maggior parte della natura malgascia, i baobab del Madagascar non sono solo endemici, ma possono anche essere gli ultimi del loro genere.

Se sei interessato a viaggiare in Madagascar per goderti questa natura unica al mondo, contattaci per organizzare il tuo viaggio personalizzato.

21 vistas
  • facebook_circle-512
  • 0a07fc70e942100588ef0050568ba825
  • Logo-twitter
  • tripadvisor-icon-png-8.jpg